Living Lab Music 3 + Visioni del Suono

Da SaMPL.
Visionidelsuono.jpg

Quali sperimentazioni si nascondono dietro i videogame e la musica di consumo dei nostri giorni? Quali ricadute tecnologiche e sociali può avere la ricerca sul suono? Il Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università di Padova e il Conservatorio "Cesare Pollini" ripercorrono in una mostra, affiancata da concerti e conferenze di approfondimento, l’esperienza musicale padovana, che si distingue per il suo particolare connubio di risultati artistici e scientifici. Fin dal Medioevo, infatti, la città svolge un ruolo creativo nello sviluppo delle scienze e delle arti del suono. Nel ’900 la musica nuova, ovvero la musica elettronica, trova nel Centro di Sonologia Computazionale di Padova un luogo di sperimentazione a livello mondiale. Si creano nuove macchine, nuovi linguaggi e nuove forme di notazione. Un percorso su cui si innestano anche le ricerche più recenti su suono, spazio e gesto, che trovano importanti applicazioni in molti campi, dal sound design ai beni culturali alla riabilitazione dall’handicap. Una mostra da vedere, ascoltare e sperimentare, per riscoprire ruoli e valori del suono nella nostra vita.

Il depliant dei concerti è scaricabile da qui e i dettagli della mostra sul sito di Visioni del Suono.

Tematiche

Musica ben calcolata
Analisi teoriche e innovazioni tecnologiche attraversano tutta la storia della musica, in un continuo stimolo reciproco. L’esperienza padovana, da Marchetto da Padova a Tartini alla musica elettronica degli anni Sessanta.
Numero e suono
Come è fatto il suono? I meccanismi della sintesi del suono e gli strumenti usati dai pionieri dell’informatica musicale nelle loro sperimentazioni, da cui sono nate le tecnologie attuali, dai primi CD alla più ardita realtà virtuale.
Suono e società
Partiture del Novecento accanto a manoscritti del Trecento, optical art e tecnologia della musica, dall’arco tartiniano alle macchine della musica elettronica, dai magnetofoni ai computer. L’importanza della ricerca sul suono per le applicazioni quotidiane, perno della nostra società della comunicazione ma anche della relazione con gli altri: le realtà immersive dei videogame, il restauro dei documenti sonori, i sistemi per la didattica.
Musica e spazio
Lo spazio diventa uno strumento musicale, grazie al live electronics e ai più recenti strumenti di manipolazione del suono. Dagli spazi sonori creati digitalmente da Sciarrino all’arca creata da Renzo Piano come grande cassa armonica per il Prometeo di Nono.
Le opere musicali degli ultimi decenni
Dagli «oggetti sonori» di Teresa Rampazzi e del gruppo Nuove Proposte Sonore al Prometeo di Luigi Nono e alla Medea di Adriano Guarnieri.
Suono e gestualità
Gesto, suono, colori ed emozioni sono gli elementi alla base della Casetta delle immagini, installazione multimediale di Carlo De Pirro per l’Expo 2002.

Mostra

Visita virtuale della mostra Visioni del Suono

3 aprile - 18 luglio 2012
Sale espositive del Centro di Ateneo per i Musei
via Orto Botanico 15, Padova

ORARIO
Martedì e mercoledì ore 9-13
Giovedì, venerdì e sabato ore 9-13 e 15-19
Aperto anche il 25 aprile, 1 maggio, 2 e 13 giugno

Concerto 1

Giovedì 26 aprile 2012, ore 18.00
Auditorium "C. Pollini", Padova

Wolfango Dalla Vecchia (1923-1994)
Atrocissime tange (1981), per mimo, percussioni ed elettronica
Valentina Confuorto, mimo
Daniele Scambia, percussioni
Alvise Vidolin, regia del suono
Alessandro Bressanello, regia teatrale
Cristina Cocco (1967), Margherita Pirotto (1976), Carlo Carcano (1970)
Levitazioni (2011), per danzatori e fixed media
Margherita Pirotto, coreografie
Andrea Cravotta, Cristina Cocco, Alessandro Martinello, Monica Polonio, danzatori
Francesco Grani e Daniele Scarano, spatial rendering
Carlo Carcano, regia del suono
Un progetto coreografico di Margherita Pirotto ispirato all’omonimo ciclo pittorico di Cristina Cocco. Musiche di NINE INCH NAILS, Meredith Monk, Carlo Carcano. In collaborazione con Spazio D. e Laboratorio Culturale Caleidoscopio.

Concerto 2

Venerdì 18 maggio 2012, ore 18.00
Auditorium "C. Pollini", Padova

Fausto Razzi (1932)
A voi che lavorate sulla terra (1982), Aria per voce e nastro magnetico su testo di Alfonso Gatto (*)
Giacinto Scelsi (1905-1988)
Aitsi (1974), per pianoforte amplificato
Franco Evangelisti (1926-1980)
Proiezioni sonore (1955/56), strutture per pianoforte
Adriano Guarnieri (1947)
Sospeso d’incanto n° 2 (2006), per pianoforte e live electronics
Marco Stroppa (1959)
Traiettoria ... deviata da Traiettoria (1982/88), per pianoforte e nastro magnetico
Fausto Razzi (1932)
Frammento 5 (2012), per voce, pianoforte e suoni elaborati su testi di Mario Quattrucci (**)
Prima esecuzione assoluta. Commisione SaMPL

Mariaelena Fincato, contralto (*)
Maria Letizia Gorga, attrice (**)
Aldo Orvieto, pianoforte
Alvise Vidolin e Nicola Bernardini, regia sonora e live electronics

Concerto 3

Venerdì 31 maggio 2012, ore 18.00
Auditorium "C. Pollini", Padova

James Dashow (1944)
Oro argento & legno (1987), per flauto ed elettronica (*)
Annie Fontana (1955)
Wassar (2012), per voce femminile e fixed media
Prima esecuzione assoluta. Commisione SaMPL
Jean Claude Risset (1938)
Passages (1982), per flauto ed elettronica (**)
Maura Capuzzo (1968)
Come arriva l’amore, così ti si libera il naso. Improvvisamente e a caso (M. Lotter) (2012), per voce femminile ed elettronica
Prima esecuzione assoluta. Commisione SaMPL
Louis Andriessen (1939)
Zilver (1994), per flauto, clarinetto, violino, violoncello, pianoforte, vibrafono, marimba e glockenspiel (***)

Silvia Pollet, soprano
Caterina Pavan (*), Elia Guglielmo (**), Veronica La Malfa (***), flauti
Chiara Pittarella, clarinetto
Giovanni Pedrazzoli, violino
Nastassjia Masseria, violoncello
Federico Marchionda, pianoforte
Irene Bianco e Vanni Vespani, percussioni
Dario Khademi e Matteo Polato, live electronics
Maura Capuzzo, Matteo Mancini, Dante Felpati, Daniele Scarano, regia sonora

Ulteriori dettagli

eventi collaterali

presentazione di Sergio Canazza

podcast conferenze

pagina facebook